Flashback, un film che attraversa il muro del nuovo millennio nelle due direzioni

L’opera di MacBride è un ritorno, stilisticamente notevole,
ai trip anni ’90

Flashback, conosciuto anche col titolo The Education of Fredrick Fitzell, è un film che potrei definire figliol prodigo degli anni ’90.
Ci rivedo i voli pindarici, che alcuni chiamerebbero illusioni e altri allucinazioni, di David Lynch, di Strange days e di Requiem for a dream. Ma questo soltanto in termini cinefili, perché in realtà ci vedo un’intera epoca, o meglio l’epica di un’intera epoca. E dovrete perdonarmi il gioco di parole perché è davvero fulgente questa mia visione.

Invisibile ma roboante, l’anelito di un periodo storico di rottura sanguinante rispetto alle tre decadi precedenti, e di preparazione al salto nel vuoto degli anni 2000. C’erano tanto pensiero, tanto sentimento, tanta azione. Un condensato di idealismo struggente e realismo deflagrante. Si combatteva, nel cuore di chi era in grado di percepirlo, lo scontro dello spirito di un millennio contro il muro del suo vertiginoso annichilimento. Un muro in frantumi che preparava allo sconfinamento di un futuro a folli velocità. I rottami sono tutti attorno a noi, anche se per la maggior parte di noi è troppo presto per notarli.

C’è anche questo nascosto sotto la pelle dell’ultima opera del regista e scrittore Christopher MacBride. Ma tranquilli, tutti questi discorsi cervellotici potete anche risparmiarveli godendovi semplicemente il film – alla fin dei conti è una pellicola ed è volta all’intrattenimento, perciò l’esperimento della sua funzione saggistica è facoltativo.

Flashback, conosciuto anche come The Education of Fredrick Fitzell, è un
film del 2020 scritto e diretto da Christopher MacBride e distribuito nei
cinema e sulle piattaforme streaming USA nel 2021

Flashback, che d’ora in avanti sia nelle mie chiacchiere cinefile che nei miei monologhi interiori chiamerò sempre e solo The Education of Fredrick Fitzell (mi piace di più e lo trovo più consono), è un bel film ma non certamente un capolavoro intergenerazionale, questo va detto. Pas mal, comunque, visto che di appartenenti a tale meravigliosa categoria non ne sfornano quasi mai di nuovi.
Però se apprezzate i film non lineari – espressione neutra per indicare quelli che io definisco trip mentali – nonché l’estetica avanguardista dei 90s, credo proprio che la pellicola in questione vi piacerà e non poco.
Il tempo di abituarvi alla botta, e viaggerete molto piacevolmente. Io l’ho fatto, e la pellicola di MacBride è risultata una delle sorprese cinematografiche più piacevoli di questo 2021.

Enjoy,
Phil

N.B. Per commentare vai alla pagina del post (cliccando sul titolo )

error: Content is protected !!