“Buon anno, ragazze e ragazzi” (cit.)

Care lettrici, cari lettori,

riapprodo sull’isola della Fenice appositamente per augurarvi un buon anno nuovo.

Sono stato via per molto tempo, lo so, e me ne dispiace.
Sono stato alcune settimane all’estero prima, e poi all’improvviso mi sono ritrovato alle prese con un trasferimento non previsto (o meglio, differente da quello pianificato) e conseguentemente con più di un trasloco. Il tutto accompagnato – naturalmente direi, trattandosi di me – da svariate disavventure (tutte felicemente e sudatamente superate, grazie per averlo moralmente chiesto).

Questi avvenimenti mi hanno tenuto lontano dall’isola, e in realtà forse continueranno a tenermici a little bit longer. Nel frattempo ho comunque cercato di rimanere sfuggevolmente sempre attivo quantomeno sulla pagina Facebook del blog, sulla quale posso pubblicare contenuti molto più rapidamente e in formato “pillola” come si suol dire. Perciò potete continuare a seguirmi lì, se vi va.

Ci tenevo ad aggiornarvi, ecco tutto. E, come dicevo, ad augurarvi un felice 2022.

Ad maiora. E a presto.
Phil

P.S. se volete ascoltare la canzone citata nel titolo, here you go: Buon anno ragazzi

La fine del mondo e il paese delle meraviglie

Un viaggio a ritroso fino agli esordi letterari di Haruki Murakami

Ma “questo” si interessa solo a Murakami? Ammetto che sarebbe quasi lecito se ve lo chiedeste, perchè se non erro questa è la terza volta che scrivo di lui. Il motivo c’è ed è chiaro come un’alba giapponese: Haruki-San è uno dei miei autori contemporanei preferiti.
Stavolta sarò breve, lo prometto. Mi è tornato in mente uno dei suoi libri che ho letto prima di fondare l’isola della Fenice, del quale quindi non ho mai avuto occasione di parlare.
Mi riferisco ad una delle sue primissime opere, ovvero La fine del mondo e il paese delle meraviglie, datata 1985. La successiva, giusto per darvi un’idea, fu Norwegian Wood.

Per quanto ho avuto modo di sbirciare navigando tra i vari forum, questo non è uno dei suoi romanzi più celebri. Forse perchè ne ha scritti di troppo belli successivamente, forse perchè per certi versi è uno dei più astratti e arditi. Secondo me, invece, se di Murakami apprezzate l’estro e l’indipendenza – talvolta marcatamente anarchica – stilistica e dei contenuti,
La fine del mondo e il paese delle meraviglie è addirittura da considerarsi un must. Decisamente un must read, amici miei.

La fine del mondo e il paese delle meraviglie è un romanzo del 1985
dello scrittore giapponese Haruki Murakami

Come di consueto non mi dilungo in trama e analisi approfondite – per le quali ci sono già infinite pagine e schede in ogni angolo del world wide web – ma mi limito ad accennarvi che si tratta di due storie apparentemente parallele (che quindi non dovrebbero mai incrociarsi,
ma che invece lo fanno egregiamente già a metà libro) nelle quali in modo molto diverso, quasi parlasse due linguaggi differenti, Murakami lascia sgorgare selvaggiamente
la propria fantasia.

Già, la fantasia dello scrittore nipponico è a parer mio la vera protagonista di questo romanzo. Il buon Haruki lascia che la propria fervida e rigogliosa immaginazione voli libera come un uccello mitologico che non deve dar conto a noi semplici mortali dei colori sovrannaturali e poco plausibili del proprio piumaggio. Colori accecanti e tenerissimi.
Vi consiglio questo romanzo perchè si tratta di un pellegrinaggio nell’esistenza umana visto attraverso una lente di ingrandimento originale e unica, poetica e magica. Come solo Murakami sa compierne, insomma.

Phil

N.B. Per commentare vai alla pagina del post (cliccando sul titolo )

La fenice va in vacanza

Tempo di staccare la spina anche per me, amici ed amiche.
L’isola della fenice chiude gli approdi per qualche settimana e svanisce temporaneamente sotto un mistico velo di nebbia ristoratrice. Per rinvigorire la fiamma che arde sotto la sua superficie e per respirare in silenzio.
A presto, per tornare ciclicamente a bruciare e rinascere insieme con rinnovato fulgore.

Ad maiora,
Phil

Per vedere le mie foto su Instagram segui @phil_wallace_marino

error: Content is protected !!