Ennio, la colonna sonora della nostra vita

Nei cinema il tributo di Tornatore a uno dei geni del ‘900

Interrompo brevemente il mio periodo di pausa dal blog per consigliarvi, caldamente, di andare al cinema a guardare il film-documentario che Giuseppe Tornatore ha realizzato in memoria di Ennio Morricone.

Ok, nel mio caso i presupposti per un gradimento elevato c’erano tutti: il cinema che racconta la musica, ovvero il matrimonio perfetto tra le mie due grandi passioni.
La bellezza di Ennio, però, va molto oltre queste premesse. Non si tratta solamente di affinità elettive ma di un’opera filmica realizzata con immenso amore, profonda gratitudine e sconfinata ammirazione. Il lungometraggio ne è denso dall’inizio alla fine, e lo trasmette con candore e onestà.

Morricone ha scritto le colonne sonore di tanti, ma davvero tanti capolavori della storia del cinema. Così numerosi che sarebbe sciocco iniziare a citarli. E sarebbe futile, poichè sono impressi nella memoria collettiva non solo di noi italiani ma di chiunque abbia respirato anche solo minimamente cinema in ogni continente del globo.
Il Maestro è un patrimonio dell’umanità, e uno dei geni del ventesimo secolo.

Creatività, estro, coraggio, integrità artistica, visione, amore per il proprio lavoro, generosità, disponibilità e umiltà sono solo alcuni dei valori umani che E.M. possedeva.
La capacità di parlare a milioni, miliardi di esseri umani attraverso un linguaggio universale probabilmente ne è la sintesi.

Il docu-film di Tornatore racconta numerosi aneddoti interessanti e spesso divertenti, quasi sempre anche emozionanti, e ripercorre la carriera del compianto compositore con semplicità e con un enorme calore umano. Senza mai esondare nella venerazione leziosa e nella faziosità, anzi con notevole obiettività e con rigore narrativo.

Ennio racconta di noi, di generazioni di noi, poichè siamo ciò che abbiamo vissuto, ciò che abbiamo provato, ciò che ha contribuito a formarci come cittadini di questo mondo.
Siamo le lenti attraverso le quali ne abbiamo ricostruito il senso, siamo le colonne sonore che hanno accompagnato queste immagini e questi significati verso le profondità della nostra coscienza e attraverso le fibre, pulsanti, del nostro cuore.

Ennio è un atto d’amore e un segno di riconoscenza. Entrambi dovuti, entrambi graditi. Andate a vederlo.

Phil

N.B. Per commentare vai alla pagina del post (cliccando sul titolo )

error: Content is protected !!